In ricordo di Ercole Ricci, uno del Millo

30 dicembre 2011

Ercole Ricci, classe 1912

Esattamente cento anni fa, il 30 dicembre 1911, nasceva a Urbino (PS) Ercole Ricci, imbarcato sul sommergibile Millo con la qualifica di Motorista di garanzia Fiat. Ce lo ha ricordato il nipote, che si chiama come lui, Ercole Ricci. Oggi lo ricordano anche gli altri nipoti, Alessio Ricci e Mara Martinovich, e la sorella, Clelia Ricci.
Anche noi vogliamo commemorare il sacrificio di quest’uomo che ha dato la vita per la Patria, e l’amore per una donna, la sua fidanzata di allora.
Purtroppo non conosciamo il suo nome, ma di lei ci resta un viso sorridente e un nome scritto sul retro di una lettera.
E poi il ricordo di un gesto antico e nobile, arrivato fino a noi .
Sono storie d’altri tempi, storie che appartengono a tutti noi.
Per questo vanno raccontate.

Continua a leggere…

Il ritrovamento dell’ex voto perduto

17 dicembre 2011

L'ex-voto in memoria della tragedia del Millo

Nell’antico Santuario della B.V. della Marcelliana, a Monfalcone (GO), tra i numerosi ex-voto conservati nel tempo, è custodito anche quello che rievoca i tragici istanti dell’affondamento del sommergibile Ammiraglio Millo.
Si tratta di una grande tela pittorica di circa un metro e mezzo, che si riteneva perduta e che invece è stata ritrovata, dopo molti anni e dopo numerose ricerche, anche grazie al nostro interessamento e ai nostri tentativi di ricostruire la storia di uno dei marinai del Millo, il Motorista Navale Duilio Borri, sopravvissuto all’affondamento del sommergibile.

Continua a leggere…

Santa Barbara, nel ricordo dei nostri cari

4 dicembre 2011

Festa di Santa Barbara 2011

Il mio più grande desiderio
Oggi si festeggia Santa Barbara. La Santa protettrice dei marinai e della Marina Militare Italiana.
Secondo la tradizione, oggi, 4 dicembre, a bordo delle unità navali della Marina Militare,  si dona un fascio di rose rosse al 1º Direttore del Tiro di bordo.
Questo è un giorno per ricordare, una volta di più, i nostri cari che hanno dato la vita per la Patria. Con questa preghiera, scritta da Fortunato Moroni in onore dei suoi compagni scomparsi con il sommergibile Millo.
La preghiera del … tuo umile marinaio.

Un abbraccio fraterno a tutti voi!
Francesco e Nazareno Storani

Domenica splendente in compagnia di Paolo Palladino

25 novembre 2011
Paolo Palladino illumina un ventaglio di Gorgonie Paramuriccee bicolore

Paolo Palladino illumina un ventaglio di Gorgonie Paramuriccee bicolore

Il racconto di una nuova, affascinante immersione di Paolo Palladino e degli amici del Thalassoma Diving Team, avvenuta lo scorso 6 novembre nei fondali di Scilla, in Sicilia.
Nonostante l’avanzare dell’autunno, con i suoi venti mutevoli e le giornate che si fanno improvvisamente cupe, certi angoli d’Italia, e in particolare nel nostro Mezzogiorno, possono regalare momenti d’indescrivibile bellezza, proprio come  in questa domenica splendente.
Continua a leggere…

Marinai del Millo: Luigi Rogora

14 novembre 2011

Sottocapo Elettricista Luigi Rogora, classe 1920

Tra i dispersi dell’Ammiraglio Millo c’è anche il Sottocapo Elettricista Luigi Rogora, classe 1920, originario di Gallarate (VA).

Fino a pochi giorni fa la sua storia era a noi completamente sconosciuta, poichè non eravamo riusciti a contattare nessuno dei suoi familiari o altri che lo avessero conosciuto ai tempi della sua esperienza nella Regia Marina. Poi, all’inizio dello scorso ottobre, il nipote Pierluigi ci ha scritto una email attraverso questo sito, raccontandoci la sua storia.
Continua a leggere…

Marinai del Millo: Francesco Santese

3 ottobre 2011

(Video – durata 2:55)
Il ricordo del giovane Francesco Santese, detto Ciccillo, nelle parole dell’amico Giacomo Francesco Colella. Imbarcato sul Regio Sommergibile Ammiraglio Millo con il grado di Cannoniere Puntatore Scelto. Classe 1923.
La sua vicenda è emblematica di come, nelle storie dei sommergibilisti della Regia Marina, affiori un triste presentimento, quasi una rassegnazione a un destino segnato, la consapevolezza che salutare gli amici diventi un commiato alla vita e che l’imbarco sul sommergibile equivalga a un’ultima, tragica missione.

In memoria della tragedia della Corazzata Roma

9 settembre 2011

L'esplosione della Roma

Il 9 settembre del 1943 la nave da battaglia Roma venne affondata da bombardieri tedeschi, mentre, al comando di numerose unità navali italiane, si stava dirigendo verso l’isola della Maddalena, come concordato con gli Alleati in seguito all’Armistizio dell’8 settembre. In breve tempo, tra coloro che scomparvero in mare e quelli che moriranno in seguito per le gravi ferite riportate, i marinai italiani caduti saranno 1.393. Una grande tragedia del mare, la triste apertura di una lunga stagione di sofferenze per il nostro Paese che scivolerà nell’abisso, giù giù fino all’orlo della distruzione totale.

Continua a leggere…